Come scegliere il liquido giusto

Quante volte abbiamo sentito questa domanda?

“Ragazzi, ho cominciato a svapare da poco, ma non so quale liquido scegliere, voi cosa mi consigliate?”

Oppure…

“Ho acquistato l’hardware, ma non so quale liquido sia giusto per la mia sigaretta elettronica

 

Te lo chiedi anche tu, vero? 

 

Nei nostri tanti anni di attività nel settore, di domande come queste ne abbiamo sentite moltissime. Ed è lecito, per chi si affaccia nel fantastico quanto enorme mondo del vaping, chiedersi quali siano le combinazioni giuste, come ottimizzare al meglio la propria esperienza e renderla più piacevole possibile.

Il nostro obiettivo è darti tutte le informazioni necessarie che possano guidarti nell’acquisto, senza tediarti. Ti esporremo quindi quei semplici ed essenziali punti che ti permetteranno di avere un chiaro quadro della situazione. Guardiamoli insieme!

 

Tipologie di atomizzatori

Cominciamo col dire che le variabili che permettono di poter scegliere il liquido giusto sono molteplici, spaziando dall’aroma al tipo di tiro che si vuole ottenere. Questo dipende molto anche dall’atomizzatore che viene utilizzato per la propria sigaretta elettronica.

Gli atomizzatori possono essere classificati in base al tiro, li esponiamo in breve:

  • Il tiro di guancia, in inglese MTL (Mouth To Lung). È quanto di più simile ci possa essere al tiro di sigaretta. Tutto è abbastanza ristretto, dal flusso d’aria ai canali di alimentazione. Di conseguenza verrà richiesta meno potenza, che porterà ad un consumo minore del liquido.
  • Il tiro di polmone, in inglese DLH (Direct Lung Hit). Si posiziona esattamente all’opposto: il flusso d’aria è molto aperto, ciò permette di creare molto vapore e tiri molto grandi. Richiedono, quindi, più potenza rispetto al MTL, consumando più liquido.

 

Composizione del liquido

Ciò detto, è giusto fare una piccola parentesi sulla composizione del liquido che viene utilizzato per la sigaretta elettronica, per meglio comprendere come la giusta combinazione possa avvenire. 

 

Oltre agli aromi, acqua e diverse gradazioni di nicotina - ove prevista -, il liquido è composto da due sostanze:

  • Glicole Propilenico (PG), produce poco vapore perché meno denso rispetto alla VG, ha un’ottima resa aromatica e produce dei forti hit in gola, i colpi caratteristici delle sigarette.
  • Glicerina Vegetale (VG), al contrario del PG è più denso quindi permette di produrre molto vapore, ha minore resa aromatica senza alcun ‘throat hit’

Va da sé che per lo svapo da guancia sarebbe preferibile optare per un serbatoio MTL, abbinato a liquidi composti da PG al 50% o superiori, che vengono assorbiti più facilmente dal cotone, offrendo un’esperienza ideale per chi ricerca un sapore bilanciato e il classico colpo di gola della sigaretta.

Al contrario, consiglieremmo invece il DLH, o il ‘sub-ohm vaping’, abbinato ad E-Liquids con maggiori proporzioni di VG, per chi invece ricerca produzione copiosa di vapore e di nuvole. Come abbiamo anticipato prima, questo comporta anche consumo maggiore di liquido, e maggiore dispendio energetico. 

 

Ma vuoi mettere la soddisfazione nel produrre delle grandi nuvolone?

 

Naturalmente le preferenze sono soggettive, e il vaping è bello perché è vario! Le possibilità sono innumerevoli, basta scegliere la giusta combinazione in funzione dell’esperienza che si vuole ottenere ;) 

Scegliere il liquido giusto

Per la tua sigaretta elettronica